IN EVIDENZA

07. giugno, 2024

Valentina Ciocca


HAIKU


Conoscete gli haiku?

Gli haiku costituiscono una delle più semplici forme di poesia. Si tratta di componimenti che nascono in Giappone nel XVII secolo. La loro struttura è molto semplice: si compongono di tre versi composti, in totale, da 17 sillabe secondo lo schema 5-7-5. Spesso si ispirano a temi legati alla natura e alle stagioni.

Ecco uno dei più famosi:


La campana del tempio tace,

ma il suono continua

ad uscire dai fiori.

(Matsuo Basho)


Ed ecco i miei.

Provate anche voi!


Ronzio d’ape

nelle valli in fiore

cuore sereno





Scia luminosa

una stella muore

in silenzio



Unica foglia

sull’albero nudo

ricordo d’estate

La presentazione dell'Associazione Il Sogno di Giulietta all'interno del programma "L'infinito dentro un bisogno" trasmesso da VCOAZZURRATV

V Concorso letterario per ragazze/i

E TU, PERCHE’ SCRIVI?

Il 19 novembre durante la rassegna Donne che ispirano le donne presenteremo il concorso letterario dal titolo Tra il cielo e il mare per i ragazzi delle scuole medie e superiori.
Il premio letterario è un’occasione per mettersi in gioco, confrontarsi e divertirsi per chi ama la scrittura e non teme il giudizio, ma al contrario coglie le sfide come stimolo per migliorare.
Abbiamo scelto un tema ampio che lasci spazio all’estro e alla fantasia di ognuno e ci auguriamo che il concorso aiuti i ragazzi ad avvicinarsi al mondo letterario.
Non è emozionante l’idea di essere premiato o di ricevere una menzione?
Lasciate correre la mente, affidatevi alle vostre sensazioni, libratevi in un mondo dove le parole prendono vita e si colorano di emozioni.
Prima di dedicarvi al vostro foglio bianco leggete con attenzione il bando dove troverete tutte le informazioni.
Siate coraggiosi e mettetevi all’opera, non vediamo l’ora di leggere i vostri capolavori!

DAL BLOG

Il nostro ultimo post

Valentina Ciocca

                    PAROLE IN BIANCO E NERO

Mani che disegnano (M.C. Escher)

Premosello Chiovenda, 20 ottobre 2023


Cara nonna Anna,

ricordo con nostalgia il giorno in cui mi chiedesti «perché scrivi sempre tata?»

Ero china sui miei libri, estraniata dalla realtà che mi circondava. Un’adolescente timida e introversa, che affidava al diario segreto pensieri, impressioni, sensazioni.

Allora nemmeno io seppi darti una risposta, ma scrivevo, scrivevo moltissimo, riempivo pagine intere con gioie e dolori dei primi amori, crucci e piccole conquiste quotidiane. La vera Valentina era racchiusa in quel libricino sgualcito.

Sono passati molti anni.

Il giorno e la notte (M.C. Escher)

DALLA GALLERY

Le nostre ultime foto

18. aprile, 2024

Tra montagne, letterature e cicatrici


L'insegnante di liceo Danila Tassinari e la psicologa Laura Marchini in dialogo con Lorenzo Pavesi autore del romanzo NEL SILENZIO E NEL VENTO